Roberta Musi con la sua arte omaggia l’Arma dei Carabinieri

Carabinieri a cavallo PR (1)

a cura di Antonella Ferrari

L’ispirazione principale dell’artista Roberta Musi sono i cavalli ed è sorprendente la veridicità delle opere che riesce a realizzare; i simboli, i grafismi, i sassi, di volta in volta inseriti ad arricchire i vari sfondi ne fanno un segno distintivo oramai riconosciuto nel mondo.

Il debole che l’artista ha per l’Arma dei Carabinieri risale ai tempi dell’infanzia; il nonno avrebbe voluto fare il corazziere ma per pochi centimetri non fu preso, in compenso ci riuscì lo zio.

L’artista ha reso omaggio, in diversi momenti, all’Arma realizzando e donando due tele che raffigurano i carabinieri a cavallo, consegnate al comandante provinciale colonnello Pasqualino Toscani e al comandante della compagnia di Parma il capitano Marco Di Caprio.

I quadri di Roberta Musi sono presenti anche in diverse caserme di Milano, città dove l’artista ha vissuto per tanto tempo, come ad esempio “Viva i carabinieri e la seconda opera “Maggiore Ilaria Campeggio”, donati all’Arma dei Carabinieri di Milano, Caserma Montebello  mentre il quadro nominato “istituzioni viva i carabinieri” è stato donato al Generale C.A. Carlo Gualdi, per la collezione dell’Arma dei Carabinieri di Via della Moscova di Milano.

Nelle foto l’artista Roberta Musi nei momenti di celebrazione di consegna delle opere dedicate al mondo dell’Arma dei Carabinieri e le opere esposte all’interno
delle caserme a Parma e Milano.
hna

Article by frtadmin