La Puglia e L’Europa:

PUGLIA

Presso la Sala Aldo Moro della Camera dei Deputati, giovedì 26 Maggio 2016
Si è svolto il convegno “La Puglia e l’Europa”.
Dopo l’introduzione di Stefano Dambruoso (Questore della Camera, Scelta civica), gli interventi di Francesco Paolo Tronca (Commissario straordinario di Roma Capitale), Antonio Ieva (Presidente Associazione Pugliese di Roma), Camillo de Milato, (Subcommissario di Roma Capitale, Presidente Associazione Pugliesi), il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha aperto il suo intervento con il pensiero rivolto a un pugliese in particolare, il marò Salvatore Girone, una circostanza, che dà il senso di alcuni tratti della sua regione, che da sola esprime un terzo delle Forze armate del Paese. Ha ringraziato i parlamentari pugliesi per la loro attività e in particolare, tra i vari argomenti trattati, ha citato l’importanza del piano olivicolo: “Stiamo cercando di definire nuove modalità di etichettatura e di identificazione dei nostri prodotti, dobbiamo fare con l’olio quello che abbiamo già saputo fare bene con il vino. Abbiamo addomesticato vitigni straordinari come Negroamaro, Nero di Troia e Primitivo, grazie alle nuove tecnologie e agli investimenti in innovazione, con l’aiuto anche della Regione Puglia. I pugliesi parlano volentieri di questioni ideali, ma anche di sostanza, e sanno che le due cose vanno insieme”.
In questa occasione è stata presentata la costituenda Federazione dei Pugliesi di Roma che rappresenterà un punto di riferimento per tutti i concittadini residenti a Roma, inserendosi a metà strada nel ponte già esistente tra la Lombardia e la Puglia, al fine di creare una forte interazione tra i cittadini pugliesi presenti nelle due città.
Il Presidente Emiliano ha aperto il suo intervento con il pensiero rivolto a un pugliese in particolare, il marò Salvatore Girone, una circostanza, che dà il senso di alcuni tratti della sua regione, che da sola esprime un terzo delle Forze armate del Paese. Ha ringraziato i parlamentari pugliesi per la loro attività e in particolare, tra i vari argomenti trattati, ha citato l’importanza del piano olivicolo: “Stiamo cercando di definire nuove modalità di etichettatura e di identificazione dei nostri prodotti, dobbiamo fare con l’olio quello che abbiamo già saputo fare bene con il vino. Abbiamo addomesticato vitigni straordinari come Negroamaro, Nero di Troia e Primitivo, grazie alle nuove tecnologie e agli investimenti in innovazione, con l’aiuto anche della Regione Puglia. I pugliesi parlano volentieri di questioni ideali, ma anche di sostanza, e sanno che le due cose vanno insieme”.
Presente attivamente all’iniziativa Pasquale Mastracchio, presidente dell’Associazione Amici della Puglia e Presidente della Casa delle Regioni con sede a Roma.

 

Article by frtadmin